Mutui casa 2014

Mutui casa 2014

Mutui Casa 2014

Mutui casa 2014: il 2014 potrebbe essere l’anno della svolta per il mercato immobiliare: a sostegno di questa tesi, i dati presentati da alcune agenzie di compravendita di immobili, le nuove normative previste dal Governo riguardo la concessione dei mutui per l’acquisto della prima casa e gli accordi tra l’ABI e la Cassa Depositi e Prestiti.


Così, dopo 7 anni in cui il mercato immobiliare ha subito una battuta d’arresto del 50%, si dovrebbe assistere ad una ripresa già dai primi mesi del nuovo anno.

Secondo Luca Dondi, direttore generale di Nomisma, già nel secondo semestre del 2013 c’è stata una maggiore disponibilità degli istituti di credito a concedere mutui per l’acquisto della prima casa, ma le maggiori novità partiranno da Gennaio 2014 e trovano la loro origine nella legge sull’IMU e le Politiche Abitative.

La guida ai Mutui Casa 2014

Guida alla scelta dei Mutui casa 2014

Guida Mutui Casa 2014

L’impianto normativo varato dal Governo si rivolge in modo particolare ai giovani, anche titolari di contratti di lavoro atipici, oltre che a coloro che intendono acquistare immobili di classe energetica A, B e C e a chi, invece, necessita di un prestito per ristrutturare la propria abitazione perseguendo l’obiettivo della riqualificazione energetica.

La principale novità riguarda il cosiddetto Plafond Casa: il Governo ha stanziato 2 miliardi di euro destinati alla Cassa Depositi e Prestiti che li terrà in gestione per consentire alle banche di essere meno selettive nell’erogazione dei mutui.


La politica a sostegno del mercato immobiliare è stata resa operativa grazie ad una convenzione stipulata tra la CDP e l’ABI. Per rendere più agevole l’accesso al credito per le giovani coppie e le famiglie con disabili, il Ministero della Gioventù ha stanziato un apposito Fondo di garanzia.

Il regolamento prevede innanzitutto che i fondi vengano utilizzati per i nuclei familiari che hanno già fatto richiesta di un mutuo per abitazione e alle quali è stato negato: i privati possono inoltrare una specifica richiesta, obbligando gli istituti di credito a riconsiderare la loro posizione.

Il Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Maurizio Lupi, ha inoltre assicurato che le banche sono tenute ad erogare mutui a tassi agevolati, anche se ogni istituto di credito avrà facoltà di negoziare il tasso da applicare.

Lupi, inoltre, sottolinea che i cittadini che si sono rivolti ad una banca per un mutuo e gli è stato negato, potranno segnalare al Ministero la mancata erogazione.

Oltre ai nuovi fondi stabiliti dal Governo, un ulteriore agevolazione per chi vuole acquistare la prima casa, troverà applicazione nelle detrazioni IRPEF: se fino al Novembre sorso si temeva che la detrazione del 19% sugli interessi passivi del mutuo potesse essere abbassata al 18%, la nuova politica per rilanciare il mercato immobiliare ha smentito tali timori.

L’aliquota del 19% resterà invariata fino a tutto il 2015 e, se il mutuo richiesto riguarda la ristrutturazione di parti comuni dell’edificio, le agevolazioni saranno valide anche nel 2016.