Ristrutturare a tasso variabile con Unicredit

Unicredit ha predisposto – all’interno della propria gamma di mutui immobiliari – un finanziamento destinato a ristrutturare le proprietà ad uso residenziale o commerciale, attraverso un mutuo a tasso variabile riservato ai clienti privati, lavoratori dipendenti, autonomi o liberi professionisti.

Il prodotto ora in esame può essere richiesto per importi superiori a 30.000 euro, ma non eccedenti l’80% della spesa da sostenere, e non eccedenti nemmeno il 50% del valore commerciale dell’immobile offerto in garanzia ipotecaria, come risulta da relativa perizia.

La durata dell’operazione può invece oscillare tra i 5 e i 25 anni, con possibilità di scelta delle scadenze intermedie con periodicità quinquennale.

La modalità di rimborso delle rate prevista da Unicredit è l’addebito degli importi sul conto corrente, con periodicità necessariamente mensile. Non è prevista invece alcuna possibilità di preammortamento, salvo quello c.d. tecnico, che va dal momento dell’erogazione al pagamento della prima rata.

Il cliente potrà altresì scegliere il parametro di riferimento da utilizzare per il tasso di riferimento: le alternative sono l’Euribor a 3 mesi, e il tasso che la Banca Centrale Europea utilizza come riferimento per le operazioni di rifinanziamento. Entrambi i tassi sono poi maggiorati con uno spread che varia a seconda delle caratteristiche creditizie del cliente e della durata dell’operazione.

Possibile estinguere anticipatamente il mutuo in qualsiasi momento del piano di ammortamento, senza il pagamento di alcuna penale, come da legge 40/2007.

Sul fronte assicurativo, è prevista la sottoscrizione obbligatoria di una polizza contro rischi da incendio e scoppio dell’immobile; facoltativa è invece la polizza multigaranzia a tutela del nucleo familiare, con copertura sul ramo vita e sul ramo danni.

I nomi Mutuo Ristrutturazione Tasso Variabile e Unicredit appartengono ai rispettivi proprietari.