Mutui, polizze più chiare (e più convenienti?)

Le polizze sui mutui sono dei contratti assicurativi che vengono abbinati ai contratti di finanziamento immobiliare, al fine di permettere al cliente dell’istituto di credito di poter godere di una forma di tutela in caso di premorienza, di malattia o di infortunio, e ancora di perdita involontaria del posto del lavoro.

Polizze la cui importanza è pertanto molto evidente, soprattutto se vengono ricollegate a specifiche situazioni quali quelle dei nuclei familiari mono reddito, dove la scomparsa del capo famiglia lascerebbe la restante parte del nucleo senza alcun sostegno finanziario, e con la presenza dell’onere rappresentato dalla rata del mutuo.

Quello delle polizze sui mutui è diventato con il tempo un business molto interessante per le banche, che oggi hanno modo di gestire il 79% di una maxi torta quotata intorno ai 2,5 miliardi di euro, e che è destinata a crescere nel corso degli anni, soprattutto se il mercato immobiliare darà segni di chiara ripresa.

A tal proposito, le associazioni dei consumatori danno riscontri chiaroscuri su quanto accaduto negli scorsi giorni, con l’Abi che ha scelto di inviare all’Isvap una nuova bozza sull’informativa precontrattuale che le proprie banche associate consegneranno a tutti i clienti che richiederanno un mutuo.

L’informativa precontrattuale contiene, in estrema sintesi, maggiori dettagli sulla possibilità che lo stesso mutuatario possiede in merito all’acquisto della stessa polizza presso altri operatori. Un cambiamento non rivoluzionario, che però potrebbe aprire la strada a una maggiore concorrenza nel settore.